A Londra il recupero dei tunnel abbandonati della metro

0 / 587
Social

Una rete sotterranea fatta di piste ciclabili e percorsi pedonali, è l’idea che rivoluzionerà la metropolitana di Londra, recuperando i tunnel attualmente abbandonati. Si tratterebbe di percorsi alternativi e più sicuri, lontano dalle trafficate strade della metropoli, che potrebbero ospitare, tra le altre cose, negozi, bar e luoghi di aggregazione e  interesse culturale. Il nome scelto per questa iniziativa è Underline, un mix tra “Underground”, il nome con cui è conosciuta la metro della città, e la famosa “Highline” di New York, il parco nato dal recupero di una vecchia linea ferroviaria dismessa.

 

“Adesso che Londra ha raggiunto il livello di popolazione più alto mai avuto, dobbiamo pensare a modi creativi per ottimizzare il potenziale delle infrastrutture” spiega Ian Mulcahey, vice direttore di Gensler, lo studio che ha ideato il progetto. Una delle cose più affascinanti è la pavimentazione proposta: non si tratta di usare un semplice rivestimento, ma un pavimento tecnologico chiamato Pavegen, in grado di trasformare l’energia cinetica dei passi umani in energia vera e propria.

“Questo approccio autosufficiente nello sviluppo delle infrastrutture urbane è la chiave per una città a impatto zero, e Londra potrebbe essere ancora una volta leader nell’innovazione per un futuro migliore” come ci dicono dallo studio Gensler.

 

Se il progetto venisse approvato, il primo tratto della rete di tunnel sarebbe quella tra le stazioni di Green Park e Holborn, nel centro di Londra.

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *