Grandi Giardini Italiani – Rossini art site

0 / 597
Social

Nel cuore della Brianza, dove la pianura lascia spazio alle dolci colline che anticipano le alpi, si trova il Rossini art site. Situato in cima a uno di questi colli, il parco di oltre 10 ettari conta numerose opere di grandi artisti italiani e internazionali. In occasione della manifestazione “Ville aperte”, siamo andati a dare un’occhiata e ne siamo rimasti piacevolmente colpiti. Il parco ha uno sviluppo longitudinale con un grande spazio aperto al centro e viali alberati lungo i lati. Le sculture sono disposte prevalentemente lungo i bordi, suggerendo ai visitatori un percorso ad anello che permette di godere dell’intera area. Oltre alle opere è presente un padiglione espositivo che accoglie mostre temporanee di artisti emergenti. L’architetto che ne ha firmato il progetto è il newyorkese James Wines. 

“Wines, maestro del design ambientale e dell’architettura organica, ha ideato un luogo che dialoga direttamente con il territorio e che ne diventa parte integrante. Il tetto del padiglione è verde, pensato per essere conquistato dalla vegetazione autoctona; i materiali sono di provenienza locale e le vetrate a tutta altezza sul parco fanno di questa architettura un vero e proprio cannocchiale sulle colline e montagne circostanti.”

 

La fondazione Rossini, nata negli anni novanta, ha acquisito nel corso delgi anni importanti opere tra cui quelle di nomi molto famosi come Giò Pomodoro, Massimiliano Fuksas, Antonio Ievolella, Franz Stahler e Erik Dietman.
Una curiosità: all’interno nel parco in una piccola nicchia, è esposta una statua di Lenin abbattuta dopo la caduta del regime sovietico. Trasportata dall’Estonia fino all’Italia, stava per essere fusa, ma la fondazione Rossini l’ha salvata dalla distruzione ed esposta quale testimonianza ed elemento di riflessione storico.

 

Il parco nel 2015 è entrato a far parte dei Grandi Giardini Italiani ed è aperto da Aprile a Ottobre.

Per maggiori informazioni: http://www.rossiniartsite.com

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *