Cristina Parreño e i lampadari di carta

0 / 698
Social

Guardate attentamente questa impressionante installazione: non vi state mangiando le mani al pensiero di tutti i rotoli di carta igienica che avete buttato?

Eh sì perchè anche se l’aspetto ricorda un po’ le raffinate grotte di stalattiti, la materia prima usata è tra le più semplici che esistano: tubi di carta. Presentata ad ARCO, la fiera internazionali d’arte che si svolge a Madrid, è stata realizzata da Cristina Parreño in collaborazione con il MIT (Massachusetts Institute of Technology).

L’emozionante opera è stata realizzata fissando a una struttura reticolare, tubi di varie lunghezze che formano una decorazione a onda. Le luci sono state posizionate sopra il reticolato, filtrando così attraverso i fori per dare vita a giochi di luce e ombra avvolgere lo spazio in una morbida atmosfera.
L’autrice spiega che “l’illuminazione era estremamente semplice, è stato il motivo geometrico della superficie a creare gli effetti di luce“.

State dunque attenti, a volte le migliori idee arrivano quando meno ci si aspetta… anche in bagno!

Anno: 2013
Team: Cristina Parreño, James Coleman, Sharon Xu, Koharu Usui, Natthida Wiwatwicha, Hannah Ahlblad
Ph: Luis Asin

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *