Renzo Piano trasforma un polo energetico in museo d’arte contemporanea

0 / 626
Social

Per il momento è solo un progetto, ma l’ormai famosissimo architetto italiano, potrebbe firmare questo progetto per il riutilizzo di una centrale energetica russa posta sul fiume Moscova a Mosca. L’intento è quello di trasformare l’impianto in un museo che promuova l’arte russa, per convertire una fabbrica di energie in un’altrettanta fabbrica, ma di idee creative.

 

L’edificio, risalente agli inizi del ‘900, occupa un’area di due ettari e verrà preservato nelle forme originali, convertendo anche le ciminiere in pozzi di ventilazione che contribuiranno al risparmio energetico. Ottobre rosso, il quartiere in cui sorge il complesso, ospita già alcune attività legate all’arte e il nuovo museo, grazie a una zona pedonale, metterà in comunicazione tra loro tutte queste realtà. Quest’area pedonale sarà in gran parte un parco, che avrà la duplice funzione di accogliere i visitatori, introducendoli all’arte con una serie di sculture e installazioni e di ospitare eventi grazie ad un anfiteatro.

L’apertura del museo è prevista per la fine del 2018.

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *